Ultimi aggiornamenti:
Home / Calcio e Marketing / Calcio italiano: il business aumenta
Iscriviti alla Newsletter

Calcio italiano: il business aumenta

Il calcio italiano, si sa, ha molto da invidiare alla altre nazioni circa la gestione del proprio giro d’affari.

I dati, le ricerche, i report che fotografano il business del “mondo calcio” sono sempre stati impietosi.
I numeri, come sempre, ci aiutano a capire l’attuale situazione e, quest’anno, ci indicano una crescita rispetto allo scorso anno. Nel Report Calcio 2017 si evince un incremento del giro d’affari pari all’ 8,9% rispetto allo scorso anno. Se scendiamo nel dettaglio, per comprendere quali sono gli indicatori che hanno portato ad un significativo aumento del business calcio, ci accorgiamo che i ricavi dai diritti media hanno registrato un + 5,7 %. Le altre voci che concorrono ad un risultato migliore rispetto al passato sono: gli introiti derivanti dagli sponsor e la vendita dei biglietti.
La Nazionale maggiore di calcio, come negli ultimi anni, è quella che “produce” più introiti da tutti i punti di vista: affluenza complessiva negli stadi e share televisiva (che mediamente arriva fino al 70%).
Il Presidente della FIGC, Tavecchio, è conscio che la strada intrapresa sia quella giusta ma che occorre migliorare per raggiungere le best practice europee. A suo avviso, infatti, gli asset su cui continuare ad investire sono: l’applicazione delle regole europee, gli stadi di proprietà, l’impiantistica locale e alla valorizzazione dei settori giovanili.

About Luca Guerrasio

Marketing specialist e giornalista. Mi occupo della costruzione di strategie di comunicazione e marketing omnicanale per aziende ed organizzazioni. Sono un appassionato di scherma: ex atleta professionista, adesso sono Maestro e docente per corsi di formazione ed esami.

Scelto per te:

IL CALCIO EUROPEO E’ IN SALUTE, QUELLO ITALIANO NO

La UEFA, pochi giorni fa, ha pubblicato un rapporto sul giro d’affari che orbita sul ...